20 agosto 2014

Flash review: E/s Pixie Tears & Jazz, Neve Cosmetics.

Meditavo di mostrare, prima o poi, la mia piccola collezione di ombretti Neve Cosmetics in tutta la bellezza. Ch'io apprezzi particolarmente i loro prodotti ormai è cosa risaputa e di quando in quando mi concedo qualche nuovo pezzo.


Swatcharli, mostrarli ma soprattutto parlarvi di ciascuno di essi sarebbe stato molto interessante ma mi avrebbe completamente risucchiato ogni energia vitale ( e avendo pianificato oltre venti post nel giro di un mese capirete bene a quale livello verta la mia voglia di esistere. )
Ho quindi preferito concentrarmi sui miei due favoriti, Pixie Tears e Jazz.

Quando il mio ragazzo mi regalò un buono da spendere sul sito Neve, lo scorso Natale, non avevo davvero ideaa di cosa acquistare. Dal momento che le colorazioni ed i finish disponibili erano svariati ed avevo a disposizione un discreto budget decidi di puntare su qualcosa che difficilmente sarei riuscita a trovare presso altri brand. È questo il motivo per cui, tra le varie cose, ho fatto miei questi due ombretti.


Pixie Tears faceva parte della collezione Immaginaria uscita nella primavera del 2013 e viene descritto come un "duochrome blu petrolio intenso con riflessi verde chiaro". In realtà a seconda della luce ( e non solo della base su cui viene usato ) può sembrare un ombretto in base blu, petrolio o verde con riflessi azzurri o verdi. Insomma, è talmente particolare e cangiante da rendere difficoltosa una qualunque descrizione. Come la maggior parte degli ombretti minerali in mio possesso anche quest'ultimo da il meglio di sé usato con sotto un primer e bagnato. Da asciutto trovo che i suoi riflessi risultino più evidenti ma è il colore "di base" a risentirne, risultando piuttosto blando. Bagnato, invece, emerge la componente verde/petrolio ma viene parzialmente compromessa ed affievolita la nota duochrome che lo caratterizza. Usandolo senza primer su di me dura il tempo d'uno starnuto e tende ad affievolirsi in pochissimo tempo ( necessitando, per contro, di una notevole quantità di prodotto per far sì che risulti evidente. ) Sfruttandolo bagnato e con un primer sotto su di me regge per circa 4/5 ore prima di perdere visibilmente d'intensità. Aspetto positivo: si sfuma bene senza dover bestemmiare in greco e accendere un cero alla Madonna.
Mi piace molto sia usato con una base color carne che con altre colorate ( bianca, verde, nera, blu ), che riescono a tirar fuori nuovi riflessi e/o a enfatizzare una o più delle varie note di colore che compongono l'ombretto. Ho perfino provato ad utilizzarlo con il Color Tattoo On and on bronze come base, perfino in questo caso il mix risultava intrigante e grazioso *-* È senza dubbio un ombretto che consente di giocare e sperimentare parecchio sia da solo che con altri "supporti".
Jazz era uno degli ombretti della collezione Twenties Icons uscita nell'ottobre del 2013. Sul sito viene definito come un "verde bottiglia intenso opaco" e sì, direi che come definizione è piuttosto calzante. Non solo lo trovo un punto di verde meraviglioso ma il fatto che sia opaco lo rende ancor più particolare, il genere di colore che si ama alla follia o si detesta dal profondo del cuore. Lo trovo stupendo, un colore talmente "prepotente" che fa da padrone in qualsiasi makeup venga utilizzato.
Al contrario di Pixie Tears non serve utilizzare una grande quantità di prodotto perché risulti scrivente, sebbene anch'esso necessiti di un primer per ancorarsi al meglio alla palpebra. Ha una discreta pigmentazione sia da asciutto che da bagnato, ma in questo caso risulta più difficile da bagnare e di rado l'ho utilizzato in questa maniera, preferendo non far risultare il colore ancor più carico. Anche in questo caso non c'è bisogno di sgozzare agnellini per chiedere agli dei il favore di ottenere una sfumatura decente.
Su di me la sua durata è di circa sei/sette ore e, in caso di eccesso di prodotto applicato, tende  ad infilarsi un po' nelle pieghette. Niente di disastroso, comunque.
È in assoluto il mio ombretto verde preferito ma mi rendo conto che non tutte potrebbero apprezzarlo, trovandolo bruttino e poco portabile.


Il prezzo di ciascun ombretto è di 3,90€ per 0,7g di prodotto nel formato mini e di 7,90€ per 2g in full size; qui trovate Pixie Tears e qui Jazz. Entrambi sono totalmente cruelty free, vegetariani e vegani, privi di conservanti, siliconi, parabeni e petrolati. Gli ombretti Neve ed i restanti prodotti sono reperibili presso il sito ufficiale e nelle biofumerie che trattano il brand, oltre a millantamila e-store bio.
Mi sono trovata spesso a consigliarli e continuerò a farlo, a parer mio sono - ciascuno a modo proprio - due ombretti che meritano almeno d'essere swatchati e provati.

Quali sono i vostri ombretti Neve Cosmetics preferiti?

12 commenti:

GlitterOnMyBody ha detto...

Mi piacciono entrambi ma il mio preferito è ororosa, un rosa duocrom oro! Favoloso! Ne ho parecchi di pigmenti neve ma mi rendo conto di usarli poco ultimamente!

Emanuela ha detto...

Jazz è un gran bel verde, e poi è opaco :)

Roberta Novo ha detto...

Ora voglio Pixie Tears, lo voglioooo *-*

Chiara The World of Claire ha detto...

Sono entrambi bellissimi, capisco perché sono i tuoi preferiti *-*

LaDama Bianca ha detto...

Non li ho, pur considerandoli molto belli entrambi.

Silya ha detto...

Pixie Tears è l'ammore *____* E' vero, ne serve parecchio perchè risulti evidente, ma il colore è troppo bello, non posso che adorarlo ^_^

Il Barbatrucco della Mokarta ha detto...

Pixie Tears è qualcosa di merviglioso *_*

babyredvamp ha detto...

sai che meditavo anch'io di mostrare i miei ombretti neve ma come te mi viene la morte a pensare di tirarli fuori tutti, swatcharli ecc ecc, devo essere moooolto moooolto ispirata.
Comunque non ho ne jazz ne pixie tears. Ecco. E jazz mi piace moltissimo! Entrambi li preferisco comunque da bagnati, ma in generale tutti gli ombretti minerali neve li preferisco da bagnati. A tal proposito i miei preferiti sono Sang blue (l'avrò scritto giusto?), Abisso, Pavone e Versailles e Costa Smeralda e anche Jungle... :)

Raffaella Cuccaro ha detto...

non possiedo nessuno dei due ma non nascondo che il primo mi ha sempre incuriosito parecchio!!!

Fransis ha detto...

Jazz è uno dei miei ombretti preferiti:) anche se in effetti non è un colore che può piacere a tutti..

Axelle Bruci ha detto...

Jazz ce l'ho anch'io ed è un verde opaco bellissimo, dovrei sfruttarlo di più!
Vedendo le foto di pixie tears mi hai tentata molto…devo legarmi le mani però!

Federica | La Favola Russa ha detto...

@GlitterOnMyBody: il problema a parer mio è il fatto che siano in polvere libera, io li uso di rado per questo motivo, pur trovandoli spettacolari.
@Emanuela: sì, cosa rara trovare un bel verde, per di più opaco :D
@Roberta: è stupendo, c'è poco da fare! Uno degli ombretti più riusciti di Neve.
@Chiara: e pensare che li uso poco, perché li trovo bellissimi ma poco "maneggevoli", ecco.
@LaDamaBianca: magari prendili in considerazione per un eventuale futuro ordine ^^
@Silya: poi meglio abbondare, perché comunque ho l'impressione che non terminerò mai alcun prodotto in polvere libera Neve XD
@Moki: lo hai anche tu, donzella? :3
@babyredvamp: Versailles è splendido, fa proprio Natale *-*
@Raff: è un ombretto con cui "giocare" parecchio, visto che cambia tanto a seconda delle basi utilizzate sotto (:
@Fransis: yep, uno di quelli che o adori o ti fa schifo.
@Axelle: alle cose belle prima o poi si cede u.u

Posta un commento